jump to navigation

Siamo tornate. Perché? lunedì, 4 gennaio 2010

Posted by elimoretti in Uncategorized.
1 comment so far
Come precedentemente accennato il nostro ritorno anticipato è stato dettato da una scelta politica.
Il 31 dicembre saremmo dovuti essere a Gaza, con i palestinesi, a chiedere che un popolo avesse diritto di esistere, di vivere.
Il governo egiziano non ce l’ha concesso, sbattendo i pugni sul tavolo sin da subito, rendendoci difficile qualsiasi movimento sul suo territorio, cercando di creare spaccature al nostro interno, malmenandoci.
I giorni al Cairo sono stati duri. Benchè dalla nostra avessimo il salvagente dell’internazionalità (lungi da Mubarak mostrare lo stato di terrore che ha creato in Egitto facendo notizia per maltrattamenti su degli stranieri) essere vicini al popolo di Gaza è stato difficile. Continui controlli, impedimenti, blocchi.
Il 31 saremmo dovuti essere a Gaza. Invece eravamo al Cairo. Arrabbiati, nervosi e per giunta malmenati.
Con l’anno nuovo le varie delegazioni avrebbero iniziato man mano a tornare a casa; il rischio sarebbe stato quello di trovarci in Egitto a fare le turiste. E non ne avevamo nè la voglia nè la volontà.
Per questo abbiamo deciso di anticipare il volo, per iniziare sin da subito il nostro boicottaggio dell’Egitto, con l’unico mezzo che un paese come l’Italia ha per farsi sentire: il turismo.
Siamo tornate arrabbiate, forse un pò deluse, ma forti di 2 convinzioni:
la prima è che siamo riusciti, almeno in parte, a scalfire il muro di silenzio che aleggia sulla questione palestinese e sugli orrori che Israele e Egitto si sentono autorizzati a commettere;
la seconda è che il popolo egiziano è con i palestinesi, anche se ce l’ha potuto dimostrare in silenzio, con sguardi, fiochi sorrisi e qualche gesto.
Ed è da questo che partiremo, in Italia e nello specifico a Torino, affinchè l’attenzione resti alta su uno dei più terribili genocidi autorizzati del XXI secolo.
Con la Palestina nel cuore.
Elisa e Sonia

Tornate in Italia venerdì, 1 gennaio 2010

Posted by elisa moretti in Uncategorized.
add a comment

Io e Sonia, insieme ad altri attivisti partiti da Milano, siamo tornate in Italia con alcuni giorni di anticipo. Si tratta di una decisione politica che domani spiegheremo meglio su questo blog. Ora ci aspetta una doccia e un sano riposo, dopo tutti questi giorni di tensione.

Riporto qui un commento, per renderlo più visibile: presidio per Gaza a Torino, sabato 2 gennaio 2010, ore 15, piazza Castello angolo via Garibaldi. Chi è da quelle parti non può mancare.

Buonanotte a tutti. Grazie per averci sostenuti in questi giorni. Noi continueremo con altre iniziative a breve.

Auguri a tutti per Capodanno giovedì, 31 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Cairo.
7 comments

Io e Sonia stiamo bene, auguri a tutti per Capodanno!

Noi ne passeremo uno un po’ strano.

Noi stiamo bene giovedì, 31 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Cairo.
6 comments

Stiamo facendo cordone per proteggere i feriti, non gravi ma pugni, calci e manganellate da soldati anche a signore anziane. Qualche arresto. Noi stiamo bene.

Militari ovunque mercoledì, 30 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Cairo.
3 comments

E’ ufficiale, non parte nessuna delegazione, si stanno cercando soluzioni per far arrivare a destinazione gli aiuti umanitari. La cancelleria portata da me e da Sonia potrebbe andare all’ospedale Palestinese del Cairo, ma ancora non ci sono certezze.

Sembra irreale, siamo continuamente seguiti e circondati da soldati, anche fare una riunione in privato è quasi impossibile. Muoversi è ugualmente complesso, ogni taxi che si ferma a raccogliere un delegato deve chiedere ai militari se ha il permesso fare una corsa con la destinazione richiesta.

Marcia parallela al Cairo mercoledì, 30 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Cairo.
1 comment so far

A differenza di quanto dicono oggi alcuni media, la delegazione per Gaza non parte. Sarebbe un modo per l’Egitto di lavarsi la coscienza.

Stiamo organizzando iniziative per domani, una marcia per domani al Cairo in contemporanea con la Gaza Freedom March.

Da poco abbiamo un numero egiziano: +20167646272 disponibile per chiunque voglia contattare me o Sonia, con Skype non costa niente!

Siamo disponibili per raccontare cosa sta succedendo qua anche ai giornalisti interessati.

Nessuno di noi coi 100 mercoledì, 30 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Uncategorized.
2 comments

Dopo una lunga riunione finita alle 2 abbiamo deciso che nessuno della nostra delegazione partirà coi 100 internazionali per gaza. Leggete le motivazioni su forumpalestina.org. Migliora la situazione dei francesi in Ambasciata.

[12:00 Aggiornato il link a forumpalestina.org]

Abbiamo portato acqua e solidarietà martedì, 29 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Uncategorized.
6 comments

350 francesi sono da ieri nella loro Ambasciata e non possono uscire se non espatriati.
Abbiamo portato acqua e solidarietà.
Ora sit-in davanti sindacato giornalisti coi più di 20 in sciopero fame.

Siamo ancora al Cairo lunedì, 28 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Cairo.
7 comments

Siamo ancora al Cairo e si affievolisce la speranza di andare a Gaza. Oggi sit-in all’ambasciata: gentili ma nessuna risposta.

Poi con altre delegazioni (siamo circa 1500) altro sit-in alla sede Onu, stessa risposta.

Domani insisteremo.

Bloccati al Cairo lunedì, 28 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Cairo.
11 comments

Siamo bloccati al Cairo, non ci fanno partire. Stiamo accampati davanti all’Ambasciata italiana, una delegazione è salita: continuiamo a chiedere di lasciarci andare a Gaza.

Chi può chiami la Farnesina: 0636225

Giornata provante domenica, 27 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Uncategorized.
4 comments

Giornata provante. Il Cairo è una città militarizzata. Oggi c’è stata la manifestazione Free Palestine. Domani sveglia alle 4 per provare a partire. Tenete le dita incrociate per noi! Aiutateci facendo parlare della Gaza Freedom March anche lì.

Finalmente in albergo domenica, 27 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in Uncategorized.
2 comments

Finalmente in albergo dopo un viaggio travagliato. E’un albergo a cinque stelle con tutte le comodità, ci sentiamo fuori posto…  Ora riposo, poi ci sarà l’inizio delle attività. Ancora non ci crediamo.

Stanotte partiamo per Gaza.

Partenza ritardata sabato, 26 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in partenza.
3 comments

Dopo qualche ora di incertezza adesso abbiamo informazioni ufficiali: il nostro aereo è partito in ritardo dal Cairo e la partenza prevista da Milano è per mezzanotte e mezzo. Ci hanno dato un buono per la cena, ma avendo già cenato ce lo terremo per uno spuntino notturno. Il Cairo intanto, distante circa 4 ore di volo, ci attende con una temperatura primaverile di circa 16°C.

Tra un’ora partiamo sabato, 26 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in partenza.
Tags: ,
add a comment

Tra un’ora partiamo. Abbiamo fatto una foto pre-partenza che domani sarà pubblicata su Il Manifesto. Ci sarà un servizio di due pagine dedicato alla Marcia.

Siamo tutti un po’ preoccupati dalle notizie che arrivano dalla Palestina (Israele uccide sei palestinesi tra Cisgiordania e Gaza) e invitiamo a maggior ragione tutti quelli che rimangono in Italia ad andare domani alle manifestazioni organizzate per ricordare i palestinesi uccisi durante l’operazione «Piombo Fuso» iniziata esattamente un anno fa.

In partenza venerdì, 25 dicembre 2009

Posted by elisa moretti in partenza.
2 comments

Oggi è Natale e molti, tra spumanti e panettone, si godono i giorni di vacanza.
Anche io auguro a tutti di passare queste feste in allegria e in serenità.

Quest’anno per me Natale è solo il giorno prima della partenza per un viaggio importante, e Capodanno, forse, sarà un giorno in più da trascorrere nella Striscia di Gaza.

Lo zaino non è ancora pronto. Le preoccupazioni prima della partenza cominciano a farsi sentire.

E si vede chiaro che ciascuno è d’opinione che sia stato più o di più peso il male che gli e toccato, che il bene; se a patto di riavere la vita di prima, con tutto il suo bene e il suo male, nessuno vorrebbe rinascere. Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura.
[Giacomo Leopardi, Dialogo di un venditore d’almanacchi e di un passeggere]

Lista dei palestinesi uccisi nell’operazione Piombo Fuso lunedì, 21 dicembre 2009

Posted by elimoretti in Uncategorized.
1 comment so far

Sul sito del Forum Palestina si trova l’elenco (nome, cognome, età) dei 1415 palestinesi morti sotto i bombardamenti israeliani lo scorso anno, tra il 27 dicembre e il 18 gennaio. Lo trovate qui:

http://www.forumpalestina.org/news/2009/Luglio09/ListaPalestinesiUccisi.pdf

I nomi evidenziati in giallo sono quelli dei minorenni. Fa impressione vedere che non sono pochi. Una lacrima scende nel pensare a Fatheia di 4 mesi, ad Al-Mu’tasim di 1 mese, ad Arij ‘Ata di 2 mesi e agli altri neonati morti prima ancora di diventare bambini.
Il 27  dicembre in tutta italia si svolgeranno manifestazioni per dimostrare la propria vicinanza alla gente di Gaza. Per i torinesi l’appuntamento è in piazza Castello alle 15. Per ovvi motivi, io non ci sarò ma invito tutti ad informarsi e a partecipare.

un pennarello per un sorriso giovedì, 17 dicembre 2009

Posted by elimoretti in partenza.
add a comment

Alla domanda “che cosa possiamo portare, per la gente di là?”, Vik ci ha risposto che i bambini dei campi profughi nella Striscia di Gaza sognano pennarelli e matite colorate. Portarne un po’ significa renderli felici. O almeno un po’ meno tristi.
Abbiamo sparso la voce tra pochi amici, una cosa informale. 5 euro a testa, e questo è il primo risultato. Altre offerte sono già arrivate e altre ancora arriveranno: non possiamo riempire del tutto lo zaino, ma piuttosto rinunceremo ad un maglione.

Ah, per chi non lo sapesse, Vik è Vittorio Arrigoni, attivista dell’ISM (International Solidarity Movement… qualcuno ricorderà Rachel Corrie…) e autore del libro “Restiamo Umani“. Non l’avete ancora letto? Correte in libreria. Potrete leggere le testimonianze di uno dei pochi “internazionali” rimasti a Gaza quando erano in corso i bombardamenti israeliani dell’operazione “Piombo Fuso”. L’ho riletto per la seconda volta qualche giorno fa e per la seconda volta ho pianto. Se non vi ho ancora convinti, vi dico anche che i proventi del libro vanno al Palestinian Center for Democracy and Conflict Resolution, per finanziare una serie di progetti ludico-socio-assistenziali rivolti ai bimbi rimasti gravemente feriti o traumatizzati dalla guerra. Ora che avete finito di leggere potete correre in libreria. O prenotarlo on line. Che aspettate?

Riparte Mestiere di Vento! mercoledì, 16 dicembre 2009

Posted by elimoretti in partenza.
add a comment

Da più di un anno non scrivo su queste pagine. Il calendario segna 24 settembre, oltre 14 mesi fa.

E’ tempo di riprendere perché è tempo di ripartire. Ancora una volta un viaggio che avrà poco di turistico ma molto di testimonianza. Tra due settimane sarò in Egitto e poi, insieme al Forum Palestina e a tanti altri provenienti da tutto il mondo tenterò di entrare a Gaza. Saremo in tanti, per partecipare alla Gaza Freedom March il 31 dicembre. Sono sicura che sarà un capodanno diverso dal solito. Originale, se non altro.

Come lo scorso anno, questo blog sarà il modo per tenermi in contatto con amici e familiari anche quando sarò via. E, in questi giorni, per condividere i preparativi. I commenti sono aperti, come sempre.

Aggiornamenti mercoledì, 24 settembre 2008

Posted by elimoretti in hebron.
Tags: , ,
add a comment

Aggiunta anche la pagina su Hebron, con tre racconti. Cliccando sulle foto si possono vedere ingrandite.

Nuova pagina su Tel Aviv venerdì, 12 settembre 2008

Posted by elimoretti in Uncategorized.
1 comment so far

Cliccando sulla linguetta blu in alto con scritto “Tel Aviv domenica 3 agosto 2008” si possono leggere finalmente i primi appunti che sono riuscita a trascrivere. Un granello alla volta, si spostano le montagne… una riga alla volta, si copiano tutti gli appunti!